Reporting the World Over

News and Comments about Life

L’inquinamento da traffico ci costa 10 anni di vita

L’esposizione continua all’inquinamento da traffico automobilistico può causare l’invecchiamento precoce delle cellule del nostro corpo, anche di 10 anni.

E’ quanto risulta da uno studio effettuato da un team di ricercatori dell’Univesità di Milano, guidato da Andrea Baccarelli, e presentato nei giorni scorsi a San Diego, in California, all’incontro annuale della American Thoracic Society.

I ricercatori hanno esaminato del materiale genetico proveniente dalle cellule bianche di due gruppi diversi di soggetti: 57 impiegati, contrapposti a 77 provenienti dai ranghi della Polizia Municipale milanese, accomunati dalla caratteristica di passare ore e ore ogni giorno a dirigere il traffico del capoluogo lombardo.

L’esame si è concentrato sui telomeri, segmenti ripetitivi di DNA che servono come protezione ai cromosomi.

Le cellule si riproducono per divisione: da una cellula, ne nascono due, che poi a loro volta si dividono dando vita a quattro cellule e così via. La regola generale è che, ad ogni divisione, la lunghezza di questo telomero protettivo si riduca, fino a diventare troppo sottile. A questo punto, non più adeguatamente protetto il cromosoma comincia a degradarsi e il processo di riporduzione via divisione si arresta. La lunghezza del telomero, quindi, è un indicatore – per quanto grossolano – dell’età della cellula, afferma il dott. Baccarelli. E secondo i risultati del lavoro portato a termine dal suo team, la lunghezza dei telomeri era minore non solo secondo l’età di ciascun individuo, ma anche e soprattutto con l’aumentare delle ore che ciascun soggetto della ricerca passava nel traffico cittadino.

Una volta depurati i risultati delle differenze dovute all’età, si è scoperto che l’accorciamento del telomero è risultato maggiore del 15% negli individui facenti parte del secondo gruppo, quello con tante ore in mezzo al traffico ogni giorno.

I ricercatori hanno poi ristretto l’analisi alla lunghezza del telomero nel gruppo dei vigili urbani. I dati rilevati dai monitor di cui ciascuno di loro è stato dotato per il periodo di osservazione hanno rilevato grandi differenze tra area ed area: chi aveva prestato servizio in aree a ridotta intensità di traffico presentava un valore di lunghezza di questi telomeri paragonabile alle persone nel gruppo degli impiegati. Ben diverso, invece, il discorso per chi aveva passato ore ogni giorno nelle vie di maggior traffico: in loro, la lunghezza dei telomeri indicava un’età cellulare 10 anni maggiore.

Questi risultati non sono assoluti, dato che il dibattito sul loro effettivo valore come indicatori di età è ancora aperto. Nondimeno, come ha specificato il dott. Baccarelli, occorre tenerli in considerazione: diveri studi precedenti legano la diminuzione della lunghezza dei telomeri all’aumento del rischio di malattie cardiovascolari e al cancro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on May 26, 2009 by in notizie, Tecnologia and tagged , , , .
%d bloggers like this: