Reporting the World Over

News and Comments about Life

Tornare alla vita dopo l’ictus cerebrale: arteterapia e altre esperienze

Tre giorni di appuntamenti, a Como, per conoscere l’ictus cerebrale, la prima causa di disabilità nell’adulto, la terza causa di morte e la seconda causa di demenza, organizzati da ALICe Como e l’Associazione La Stecca Classe 1957 di Como.mostra1

L’ictus cerebrale è un problema sociale poiché rappresenta la prima causa di disabilità nell’adulto, la terza causa di morte e la seconda causa di demenza.

Per diffondere l’informazione scientifica su questa particolare malattia, ma anche per avvicinare la popolazione al tema e alle persone che dell’ictus hannoa vuto, purtroppo, un’esperienza diretta, ALICe Como e l’Associazione La Stecca Classe 1957 di Como organizzano, nel capoluogo comasco, una tre giorni di incontri e manifestazioni sul tema.

Aprirà l’appuntamento una mostra di quadri di Gino Viani e di persone con esperienze di ictus cerebrali, nei locali di S. Pietro in Atrio, nel centro Storico di Como. L’inaugurazione della mostra, che durerà per i tre giorni della manifestazione, è per venerdì 25 settembre, alle ore 18.30.

Sabato 26 settembre, a Villa Gallia – sede dell’Amministrazione Provinciale di Como – avrà luogo una Tavola rotonda, che vedrà la partecipazione di personalità del mondo della medicina nazionale, tra le più impegnate e professionalmente riconosciute per questa malattia.

Cos’è l’ictus cerebrale

Ogni anno, in Italia, circa 200mila persone vengono colpite da questa malattia ed almeno in un terzo di loro il ritorno ad una vita normale non è più possibile. Più della metà degli ictus potrebbe essere evitata se la prevenzione e le cure fossero praticate in modo opportunbo. Purtroppo non è così!

La scarsa conoscenza della malattia fa sì che molte persone sono a rischio e non sanno di esserlo. Inoltre, la maggior parte di quelle colpite arriva troppo tardi per essere curata in modo efficace.

L’Associazione per la Lotta all’Ictus cerebrale (ALICe) ha lo scopo principale di dare “voce a chi non ha voce”, tutelando proprio queste persone.

Le principali attività svolte sono sia di tipo sociale, con un asostegno ed un aiuto alle persone colpite, che di tipo sanitario, fornendo alla popolazione geberale informaizoni riguardo la malttia e le possibilità di prevenzione delle stesse.

ALICe COMO ONLUS è nata nel 2003 ed in questi anni ha svolto attività di promozione alla salute mediante incontri pubblici di informazione, corsi di formazione per l’assistenza alle persone colpite da ictus e screening di controllo dei fattori di rischio.

One comment on “Tornare alla vita dopo l’ictus cerebrale: arteterapia e altre esperienze

  1. Pingback: Tornare alla vita dopo l’ictus cerebrale | Classe 1957 Como

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on September 23, 2009 by in Cultura, notizie and tagged , , .
%d bloggers like this: