Reporting the World Over

News and Comments about Life

IBM: una nuova proposta per accedere a miliardi di file in modalità cloud

Componenti hardware e software per realizzare un ambiente storage virtuale, in grado di fornire accesso a miliardi di file, ovunque essi risiedano, contribuendo così a ridurre i costi di gestione e aumentare l’efficienza.

Si chiama SONAS, acronimo di IBM Scale Out Network Attached Storage, ed è la risposta di Big Blue a uno degli aspetti più critici  in un mondo sempre più interconnesso, che consente alle persone di collegarsi e recuperare informazioni attraverso la proliferazione di dispositivi, da computer a telefoni cellulari e altri dispositivi palmari, per arrivare al mercato emergente dei tablet PC: fornire accesso alle informazioni in qualunque luogo e in qualunque momento.

Quando un dispositivo di network attached storage (NAS) tradizionale collegato alla rete raggiunge il limite di capacità, la risposta tradizionale di un’organizzazioni IT è “aggiungere un altro dispositivo”. Questo, nel tempo, finisce per aumentare la complessità di un sistema, e con essa la difficoltà di gestirlo in modo efficiente. La tecnologia preparata e annunciata da IBM è massivamente scalabile (fino a 14,4 petabyte in un unico sistema) e offre la possibilità di aggiungere facilmente capacità di storage addizionale mantenendo un unico ambiente di file serving a gestione unificata. Fornisce, inoltre, una potente tecnologia automatizzata per la gestione dello “storage tiering”, in grado di eseguire la scansione di oltre un miliardo di oggetti nel giro di pochi minuti, per effettuare il riposizionamento periodico dei file in base a “policy” prestabilite come la loro importanza aziendale, il reparto di appartenenza o la frequenza di accesso al fine di ottimizzare nel tempo i costi di memorizzazione.

Queste funzionalità sono essenziali vista la crescita vertiginosa del fabbisogno di dati che le organizzazioni hanno la necessità di archiviare e accedere con livelli di servizio differenziati, oggetti molto diversi tra loro dalle immagini mediche, a foto, video e file audio in cloud pubblici e privati.

“Ogni giorno viene creato l’equivalente di otto volte le informazioni esistenti in tutte le biblioteche statunitensi nel loro complesso”, spiega Doug Balog, vice president of disk systems per IBM. “Le aziende non solo hanno la necessità di archiviare i dati in modo efficace in termini di costi, ma anche di localizzarli rapidamente e di fornire un accesso istantaneo agli stessi, ovunque essi siano. SONAS affronta queste esigenze e fornisce ai clienti la giusta soluzione scalabile”.

I vantaggi dell’annuncio di oggi per le aziende comprendono:

Migliore controllo dei dati – I clienti possono consolidare isole di dati, fornendo anche un facile accesso agli stessi da qualsiasi parte del mondo, oltre alla possibilità di aggiungere capacità di storage senza interruzioni. Una delle tecnologie chiave inserite in SONAS è il file system parallelo GPFS, leader di settore che da più di dieci anni alimenta i supercomputer, che aiuta i clienti ad avere un migliore controllo dei dati ed è abbinato ad un nuovo IBM Systems Software che offre una elevata facilità d’uso e di controllo.

Uso più intelligente delle risorse – L’automazione basata sulle politiche aziendali e la gestione dello storage a più livelli possono consentire di raggiungere tassi di utilizzo più elevati nei sistemi di gestione dei file, tenendo conto del tiering automatico e consentendo all’azienda di definire dove sono collocati i dati, quando vengono creati, dove e quando vengono spostati nella gerarchia di storage, dove vengono copiati per il disaster recovery e quando infine possono essere cancellati.

Riduzione dei costi operativi – Il fabbisogno di storage in rapida crescita determina un aumento sia della complessità che dei costi di gestione delle infrastrutture di storage. SONAS affronta questo problema permettendo un elevato consolidamento dell’hardware necessario al fine di ridurre i costi di acquisizione e di massimizzare il ritorno dell’investimento di un’organizzazione. Riduce inoltre i costi amministrativi e di organico crescenti e abbassa le spese operative, snellendo e semplificando l’amministrazione, il backup e l’accesso ai dati.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on February 12, 2010 by in News, Technology and tagged , , , , , , .
%d bloggers like this: