Reporting the World Over

News and Comments about Life

Il commercio internazionale fattore di distorsione nel calcolo delle emissioni di carbonio

Una quota crescente delle emissioni globali viene originata dal commercio internazionale, ma i sistemi di calcolo delle emissioni di carbonio non ne tengono conto correttamente. Di conseguenza, i bilanci energetici dei Paesi spesso non riflettono la verità.

L’aumento del commercio internazionale che si è registrato in questi ultimi dieci-quindici anni ha permesso di coinvolgere sempre più paesi nella rete globale degli scambi economici e consentito lo sviluppo economico in regioni altrimenti periferiche rispetto ai maggiori flussi di beni e servizi. Un fenomeno positivo, ma che nasconde anche lati negativi. Uno di questi è sicuramente il fatto che le emissioni di carbonio legate al commercio internazionale letteralmente spariscono dai bilanci energetici, nazionali e globali.

Un team internazionale di ricercatori ha compiuto un’analisi dettagliata – la prima nel suo genere – del ruolo del commercio internazionale nello sviluppo delle emissioni di carbonio nei singoli paesi nel corso degli anni che vanno dal 1990 al 2008.

È risultato che la produzione di beni e servizi legati al commercio internazionale – trasporto, stoccaggio e qualunque altra operazione necessaria per movimentare un bene da un paese ad un altro – ha rappresentato il 20 per cento delle emissioni globali nel 1990 ed è salita fino a raggiungere il 26 per cento nel 2008.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on May 2, 2011 by in notizie and tagged , , .
%d bloggers like this: