Reporting the World Over

News and Comments about Life

Slow Fish 2015, il Mediterraneo al centro dei Laboratori del Gusto

slowfishAnche quest’anno ci sono tantissimi motivi per partecipare a uno dei 21 Laboratori del Gusto nel programma di Slow Fish 2015, gli appuntamenti targati Slow Food per conoscere e approfondire temi e prodotti legati al mare a partire dal piacere della tavola e del convivio.

Nella Piazza delle Feste del Porto Antico di Genova si possono incontrare nomi autorevoli del panorama gastronomico italiano e internazionale, esperti, pescatori, produttori di vino e di birra artigianale. Denominatore comune? Il Mar Mediterraneo.

In loro compagnia si può apprezzare la cucina di mare a partire dalla storia e provenienza delle materie prime e, grazie agli appuntamenti targati Master of Food, imparare le tecniche culinarie per capire al meglio un piatto e riproporlo a casa.

E ancora si affrontano temi importanti come la biodiversità con il supporto di alcuni tra i più famosi biologi marini italiani e si fa educazione a 360 gradi grazie alla presenza dei pescatori, veri protagonisti dell’evento.

Moreno Cedroni, direttamente dal Ristorante La Madonnina del Pescatore di Senigallia, presenta le virtù del baccalà, mentre Didem Senol, la giovane cuoca del ristorante Lokanta Maya di Istanbul, ci porta sul Bosforo con il suo simbolo, la palamita, in una sorprendente lezione di cucina.

Artur Martinez, stella Michelin per il suo ristorante Capritx di Barcellona, ha studiato una bella lezione sulle tapas marinare catalane. Gli risponde il padrone di casa Luca Collami del Ristorante Baldin con i finger food alla genovese.

Per approfondire la tradizione mediterranea del piatto unico di pesce non si può mancare il brodetto alla termolese di Antonio Terzano dell’osteria Dentro le Mura a Termoli, Cb) e la bouillabaisse rivisitata di Pierre Giannetti, chef de Le Grain de Sel di Marsiglia.

Alice Delcourt, chef del ristorante Erba Brusca di Milano, propone la sua personale interpretazione delle ostriche del Mare Nostrum con un evento targato Master of Food, mentre grazie alla rete di Slow Food nel Mediterraneo si scoprono differenze morfologiche e organolettiche del gambero rosso, in un viaggio che va da Termoli a Palamós (Spagna), da Sanremo alle Isole Eolie.

Come per ogni edizione non mancano i Laboratori del Gusto targati Sigaro Toscano: 3 appuntamenti per completare con una bella fumata l’esperienza gourmande di Slow Fish.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: