Reporting the World Over

News and Comments about Life

La salute inizia dal carrello della spesa

IMG_5490

La dottoressa Raffaella Cancello, nutrizionista, durante il suo intervento alla conferenza stampa di presentazione di TuttoFOOD 2015.

La salute inizia dal carrello della spesa. Ne è convinta Raffaella Cancello, nutrizionista dell’Istituto auxiliogico italiano. E del rapporto che gli italiani hanno con l’alimentazione, ne ha parlato durante un breve intervento in occasione della presentazione alla stampa dell’edizione numero cinque di TuttoFOOD, in partenza il prossimo 3 maggio.

Il primo punto su cui la dottoressa Cancello ha voluto soffermarsi riguarda la sua professione: cosa gli italiani si aspettano quando si presentano nello studio di un nutrizionista, quando si rivolgono ad uno specialista nella cura dell’alimentazione. E la sua impressione è che ci siano diversità tra il comportamenti dei nati negli anni del boom economico, tra il 1950 ed il 1965, i baby boomers, e le generazioni più giovani, i cosiddetti Millennials. Le ricerche indicherebbero, infatti, che proprio i ‘vecchi’, i baby boomers, sarebbero più sensibili alle campagne di educazione sul rapporto stretto tra alimentazione e salute.

“Tra l’altro i baby boomers hanno una ragione in più per stare attenti alle scelte alimentari, a quello che mangiano: i dati epidemiologici ci dicono che hanno un rischio aumentato di sviluppare sovrappeso e obesità. In questo un pochino anche l’età è penalizzante”, una possibile spiegazione avanzata dalla ricercatrice.

“Attualmente però in Italia, l’epidemiologia dell’eccesso ponderale si sta stabilizzando. Abbiamo comunque due persone su cinque che hanno un problema di gestione del peso, quindi siamo intorno al 31% di sovrappeso, 11% di obesità franca. Però fortunatamente questi dati sono rimasti costanti negli ultimi due, tre anni. Questo ci fa capire che i messaggi di buona alimentazione, corrette scelte alimentari, buon equilibrio dei pasti stanno passando, ed è, sotto certi punti di vista, anche rassicurante”.

Quali cambiamenti state osservando nei comportamenti alimentari?

“Ovviamente, l’utenza che ho è di persone che stanno cercando di abbassare il peso. Però vengono in ambulatorio spesso con le etichette alimentari: vogliono sapere se quello che hanno acquistato è corretto, se c’è un buon bilanciamento dei nutrienti. A volte analizziamo insieme queste etichette. Secondo me, oggigiorno sul mercato ci sono dei validissimi prodotti che possono aiutare queste persone nella corretta gestione del peso. Bisogna imparare a sostenerli, questi prodotti, a pubblicizzarli un pochino meglio. Fare delle etichette ancora più chiare rispetto a quelle di oggi. Perché in effetti sono per noi ottimi strumenti per aiutare queste persone a gestire il peso”.

C’è un discorso anche forte di prevenzione legato all’alimentazione. Si approccia l’alimentazione in modo diverso.

“La prevenzione è la chiave per la soluzione del problema. Bisogna prevenirlo, perché poi curarlo comporta uno sforzo sicuramente maggiore. La prevenzione passa per una corretta educazione alimentare a scuola, per un corretto modello alimentare in famiglia: un genitore che fa delle corrette scelte alimentari trasmette al figlio una certa cultura della scleta alimentare, dell’utilizzo dei nutrienti. La prevenzione passa per diversi momenti. Si dice ‘la salute inizia a tavola’, io spesso ai miei pazienti dico ‘la salute inizia quando fate la spesa’. Se la spesa la fate in modo consapevole, con un elenco per evitare sprechi, per scegliere bene i vari tipi di alimenti, variare le fonti di alimenti durante la settimana.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: