Reporting the World Over

News and Comments about Life

Francoforte: andar per arte e cultura

Dal surrealismo di Joan Mirò ai maestri del manierismo fiorentino; da un percorso alla scoperta della storia e della cultura ebraica all’inchiesta sul futuro dell’arte: sta per scomparire? E molte altre ancora, perché l’offerta che Francoforte ha messo a punto per attirare i visitatori europei – e non solo – il prossimo anno è veramente ricca, tale da confermare la città tedesca sul Meno come una delle capitali artistiche più vivaci e interessanti d’Europa. E a corollario, di tutto questo, uno speciale pacchetto soggiorno per permettere di scoprire il panorama culturale della città sul Meno.

Il 2016 della cultura di Francoforte si apre a febbraio alla Schirn Kunsthalle con la mostra “Joan Miró. Tele di grande formato, quadri del mondo” che la Schirn Kunsthalle dedica ad uno dei più importanti esponenti del surrealismo. Con le sue opere ricche di fantasia Miró ha saputo sviluppare un immaginario a sé stante, fatto di linee, colori, segni e simboli. La mostra, che prenderà il via il 26 febbraio e rimarrà aperta fino al 12 giugno 2016, esplorerà anche alcuni aspetti finora poco discussi del grande maestro del XX secolo.

Quasi contemporaneamente (il 24/02 e fino al 5 giugno) lo Städel Museum aprirà le sue sale alle opere dei maestri del Manierismo fiorentino: Andrea del Sarto, Pontormo, Rosso Fiorentino, Bronzino e Vasari. Con “Maniera” il visitatore potrà ammirare opere di un capitolo affascinante della storia dell’arte italiana. Oltre 120 i capolavori esposti, tra cui prestiti dalla National Gallery di Londra, dal Metropolitan Museum of Art di New York, Getty Museum di Los Angeles, Louvre di Parigi, Prado di Madrid, nonché, ovviamente, dagli Uffizi e dalla Galleria dell’Accademia di Firenze.

Anche il Museum für Moderne Kunst MMK2 collabora con i musei più importanti d’Europa per “Il museo immaginario” (in programma dal 24/03 al 11/09/2016), una mostra che raccoglie oltre 60 capolavori provenienti dal Centre Pompidou di Parigi, dalla Tate Liverpool e dall’MMK Museum für Moderne Kunst di Francoforte. Punto di partenza dell’esposizione è uno scenario catastrofico: l’arte sta per scomparire e solo poche opere possono essere salvate. Come? Grazie a una capsula del tempo, dove conservarle per il futuro.

Oltre alle tre mostre Francoforte si prepara a un altro importante evento del suo calendario culturale 2016: la riapertura del Museo Judengasse dopo anni di lavori di ristrutturazione. Dal prossimo marzo la città sul Meno offrirà un nuovo percorso alla scoperta della storia e cultura degli ebrei a Francoforte nel Medioevo e agli inizi dell’età moderna. Per la prima volta verranno esposti dipinti, oggetti religiosi e della vita quotidiana, libri e documenti del tempo della Judengasse, il ghetto ebraico di Francoforte dal 1462 al 1796. Con lo spostamento dell’ingresso principale in direzione della piazza Neuer Börneplatz e del cimitero ebraico il contesto storico del Museo Judengasse incontra il memoriale degli ebrei di Francoforte deportati e uccisi. Anche il cimitero, con una storia risalente almeno al XIII secolo e negli ultimi 20 anni luogo di ricerca storico-scientifica, diventa uno dei monumenti più significativi che la città presenta al pubblico di cittadini e visitatori.

L’offerta è ricca, ma a questo punto per il visitatore più attento ed appassionato la domanda è: come fare per avere accesso a tutto il programma di proposte culturali di Francoforte, nel modo più semplice, veloce e conveniente dal punto di vista economico. La risposta è la Frankfurt card, la carta turistica che offre l’uso gratuito dei mezzi di trasporto pubblici e agevolazioni per l’offerta culturale in città.

Inoltre, il pacchetto soggiorno per il fine settimana a tema “Riva dei Musei di Francoforte – Il miglio della cultura lungo il Meno” permette di scoprire la variegata offerta museale della città. A partire da 73 euro per persona in camera doppia, l’offerta comprende un pernottamento con colazione a buffet, una Frankfurt Card valida due giorni, il MuseumsuferTicket di due giorni per l’ingresso gratuito in ben 34 musei e materiale informativo. L’offerta è valida tutto l’anno per soggiorni compresi tra venerdì e domenica.

Tourismus+Congress GmbH Frankfurt am Main, l’ente del turismo locale, propone inoltre numerosi altri pacchetti soggiorno ad hoc per emozionanti fine settimana nella città sul Meno: 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on December 2, 2015 by in Cultura, notizie, viaggi, viaggiare.
%d bloggers like this: