Reporting the World Over

News and Comments about Life

Verona, Fieragricola al via

Appuntamento nel segno della rivoluzione tecnologica e dell’apertura verso il mercato mondiale

fieragricolaNove padiglioni, un’area demo esterna con macchine e attrezzature in movimento per gli Special Show per uno spazio espositivo totale che copre una superficie di oltre 50mila metri quadrati netti, in crescita del 18% rispetto al 2014. Oltre un migliaio di espositori ma anche 600 animali provenienti da Italia, Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Irlanda, Germania, Austria. Un’attività di formazione e informazione di altissimo livello con più di 100 convegni e workshop in soli quattro giorni.

Sono i numeri della 112ª edizione di Fieragricola, apertasi oggi (e fino a sabato 6) a Veronafiere. Un’edizione, quella del 2016, in qualche modo rivoluzionata rispetto al passato: una rivoluzione che parte già dalle date e dall’esclusione della domenica, per favorire il business degli operatori.

La rassegna internazionale dedicata al settore primario – dice infatti il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese – conferma la sua formula trasversale, con la convinzione che il futuro dell’agricoltura passi attraverso una visione ampia di un comparto che rappresenta il Made in Italy agroalimentare, con una forza data da una produzione lorda vendibile di 135 miliardi di euro, dei quali più di 33 frutto dell’export”.

A fronte del successo del nostro settore agroalimentare nel mondo, testimoniato chiaramente dai numeri dell’export e dal richiamo che il nostro prodotto alimentare suscita in tutto il mondo, Fieragricola si candida dunque ad essere “un hub in cui al business si coniuga una visione strategica per rilanciare un settore che ha grandi potenzialità, alla luce delle dinamiche mondiali, che vedono la popolazione in crescita fino a 9 miliardi nel 2050, almeno nelle ipotesi della Fao”, rileva il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani.

Fra le novità, la presenza dell’Irlanda come Paese ospite e come modello di produzione sostenibile – come testimoniato anche dal padiglione dell’Isola di smeraldo a Expo 2015 – e internazionalizzazione al quale anche la filiera primaria italiana può attingere.

E proprio sul fronte internazionale Fieragricola – grazie all’attività dei propri delegati esteri, di ICE-Italia Trade Agency e di FederUnacoma (Confindustria) – incrementa le occasioni di business, frutto di un percorso condiviso con gli attori del settore nella fase progettuale. Numerose sono le delegazioni estere presenti a Verona: europee – Austria, Belgio, Svizzera, Germania, Francia, Croazia, Serbia, Slovenia, Montenegro, Romania, Repubblica Ceca, Lituania, Polonia, Ucraina, Russia – ma anche extra-europee – Iran, Sudafrica, Camerun, Uganda, Zambia, Tunisia, Algeria, Kazakistan, Turkmenistan, Etiopia, Mozambico, Angola, Egitto. Cn una chicca assoluta: la presenza, per la prima volta a Fieragricola, anche di una delegazione cubana.

A proposito di rapporti con l’estero, ed in particolare con l’Africa, “Nel corso della manifestazione verrà illustrato il Focus Africa – precisa Mantovani – volto ad offrire un panorama completo del continente africano e a proporre un’azione coordinata di accompagnamento all’internazionalizzazione delle imprese, alla quale Veronafiere farà seguire l’appoggio nelle manifestazioni rivolte al settore primario in Marocco, con la partecipazione a Mèdinit Agro dal 16 al 18 marzo, e in Etiopia dal 12 al 16 maggio, per Agrifex».

Tutti i più importanti brand delle meccanica agricola saranno presenti: New Holland Agriculture, Case IH, John Deere, Argo Tractors (Landini, McCormick, Valpadana), Agco Group (Fendt, Valtra, Massey Ferguson), Same-Deutz Fahr, Kubota, Claas, Jcb, Bcs, Antonio Carraro, Krone, Merlo, Manitou, Breviglieri, Caffini, Maschio Gaspardo, Berti e molti altri. Ha scelto Fieragricola per il debutto a fiere del settore in Italia il gruppo cinese Lovol Arbos.

Fra le novità che i visitatori potranno trovare in fiera ci saranno gli strumenti per l’agricoltura di precisione (sistemi di guida, mappe di raccolta, software elettronici per l’informatizzazione dei dati), sull’onda dei recentissimi sviluppi tecnologici che vedono un forte incremento della digitalizzazione dell’agricoltura e dell’allevamento. Ci sarà ampio spazio, a questo proposito, persino i droni, per i quali – come per trattori e attrezzature – è stata prevista un’area dinamica all’interno del padiglione 2 e in area esterna A. Non mancheranno, peraltro, macchine e attrezzature per la semina su sodo e la minima lavorazione. Nei padiglioni 4 e 5 spazio a trattrici e mezzi isodiametrici, attrezzature e tecnologie per il vigneto e il frutteto, con aree forum, corsi teorico-pratici di potatura.

A Fieragricola anche Enovitis 2016, frutto della partnership tra Veronafiere e Unione Italiana Vini.

La zootecnia, forte di oltre 600 animali – grazie alla collaborazione con l’Associazione Italiana Allevatori – ingrandisce il ring per le gare, con il 15° European Open Holstein Show dedicato alla razza Frisona e la 48ª Mostra nazionale della Bruna, ma anche per la didattica rivolta ai ragazzi degli istituti agrari. E fra le innovazioni del comparto, grande attenzione ai sistemi di mungitura automatica e di preparazione e distribuzione delle razioni alimentari per i bovini.

Di estrema rilevanza per gli operatori, il Meeting Interbull, dedicato alla genomica delle razze bovine da latte. Sempre sul versante zootecnico ritorna l’elicicoltura, sulla spinta di una forte richiesta da parte degli allevatori.

Spazio anche alle energie rinnovabili come elemento chiave per la multifunzione e l’incremento della redditività aziendale e alla gestione del verde e delle foreste, in un’ottica di maggiore attenzione all’ambiente e alla sostenibilità. Espressa, quest’ultima, anche con riguardo all’utilizzo dei mezzi tecnici e alle soluzioni per migliorare la difesa del suolo e delle colture. Perché la razionalità economica, sociale e ambientale sarà – insieme all’innovazione, al ricambio generazionale e agli aiuti della Politica agricola comune – un aspetto determinante per il futuro dell’agricoltura.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: